martedì 31 gennaio 2017

La ricezione di Čechov nel simbolismo russo

Foto di Dmitrij Sergeevič Merežkovskij.
Titolo: La ricezione di A.P. Čechov nel simbolismo russo: due casi (D.S. Merežkovskij e A. Belyj)
Autore: Adriana Scamporrino
Relatore: Daniela Rizzi
Correlatore: /
Corso di laurea: Lingue e letterature europee, americane e postcoloniali
Tipo: tesi di laurea
Pagine: 151
Anno accademico: 2014/2015
Link: http://hdl.handle.net/10579/7102

Abstract: La tesi tratta della ricezione dell'opera di Anton Pavlovič Čechov nel simbolismo russo. In particolar modo, la ricerca si concentra sulla critica di Dmitrij Sergeevič Merežkovskij, convenzionalmente definito come uno dei fondatori di questo movimento, il cui fiuto letterario individuò precocemente il talento čechoviano: grazie alla pubblicazione di articoli e saggi a partire dal 1888, Merežkovskij (che conobbe personalmente Čechov) rintracciò nello scrittore caratteristiche affini alla “nuova arte” tramite un'analisi puntuale della sua produzione letteraria, concentrandosi soprattutto sulla sua prosa. Il terzo capitolo ha come oggetto di studio le pubblicazioni di Andrej Belyj, personaggio letterario interessante ed audace del secondo simbolismo russo, che scrisse diversi articoli su Čechov (soprattutto a proposito della sua drammaturgia), e che definì lo scrittore "un autentico simbolista".

Foto di Andrej Belyj.

Nelle nostre biblioteche è possibile trovare alcuni dei testi utilizzati come riferimenti bibliografici, ve ne proponiamo una selezione a questo link: Čechov nel simbolismo russo.

A integrazione, vi elenchiamo anche alcune delle risorse disponibili in formato elettronico a cui è possibile accedere come utenti Ca' Foscari:
- L'inafferabile età d'argento (Europa Orientalis 1996:15);
Čechov i zapadnoevropejskie simvolisty (Vestnik 2005:1).

Nessun commento:

Posta un commento