mercoledì 30 marzo 2016

Il ruolo del confucianesimo in Cina



Confucianesimo / Maurizio Scarpari
Brescia : Morcelliana, 2015
Lo trovi in: Ca' Foscari BALI-Studi sull'Asia Orientale
Collocazione :  SINOLOG F 668
Controlla qui la disponibilità

Il libro non si limita a ripercorrere la storia del sistema di pensiero che si ispira a Confucio ma evidenzia quei principi etici del confucianesimo che hanno costituito il solido fondamento della cultura della Cina e di vaste aree dell'Asia orientale e che ora vengono riscoperti dall'attuale governo cinese con l'intenzione di rafforzare il proprio consenso interno.
Il contenuto può essere così sintetizzato dalle parole conclusive dell'autore: "Per conservare il ruolo dominante avuto in passato, il Partito comunista si è trovato dunque a dover riformulare i propri fondamenti teorici e rivedere le proprie strategie comunicative. Il graduale processo di confucianizzazione che sta coinvolgendo l’intera società e lo stesso Partito ha assunto proporzioni inimmaginabili fino a poco tempo fa e rappresenta la maggior novità in ambito intellettuale. Il messaggio che la nuova dirigenza cinese vuole inviare è chiaro: non si tratta di favorire una mera restaurazione del passato ma promuovere un movimento che, guardando al futuro, sappia fare la sintesi tra il liberalismo economico introdotto da Deng Xiaoping, i valori etici promossi da Confucio e l’ideologia di Mao Zedong, a cui non s’intende in alcun modo rinunciare (in ballo c’è la sopravvivenza stessa del Partito e del suo ruolo guida) e di cui Xi Jinping si erge a massimo interprete e difensore." (p. 130)



Nessun commento:

Posta un commento